loader image

Come preparare la pelle al sole

Come preparare la pelle al sole! Per godere già dei primi raggi di sole e avere un bell’aspetto senza rovinare la pelle, semplicemente per godersi l’estate senza stress, è fondamentale preparare la pelle al sole. Ecco 9 consigli per una pelle perfettamente preparata all’abbronzatura.

Dott.ssa Francesca Bocchi – Medico estetico

L’esposizione al sole

Il sole ha molti benefici sul nostro corpo. Quando siamo esposti al sole, il nostro corpo sintetizza la vitamina D, la quale ci aiuta a contrastare lo stress, la stanchezza, l’ansia.
I raggi UV aumentano i livelli di dopamina e serotonina nel nostro corpo, che sono gli ormoni della “felicità” e del benessere. Il sole fa bene alla salute e sarebbe sbagliato privarsene. Ma può avere effetti dannosi sulla pelle e più in generale sulla salute. La nostra pelle è un organo molto fragile, che va curato quotidianamente e in modo più marcato con l’arrivo della bella stagione.

Interrompere le sessioni UV

Le sessioni UV in cabina non portano alla produzione di melanina e quindi non possono proteggere la pelle dal sole ma addirittura danneggiare il “capitale solare”.

Il capitale del sole, cos’è esattamente?

Ogni pelle ha la massima quantità di radiazioni a cui può essere esposta durante la vita, senza aumentare il rischio di sviluppare patologie. Possiamo immaginarla come un grande serbatoio con cui nasciamo e che diminuisce quando siamo esposti al sole. Una volta esaurito il “capitale solare”, siamo più inclini a rughe, macchie e problemi di salute molto più gravi, incluso il cancro della pelle.

Gli integratori alimentari

Gli integratori alimentari preparano il corpo all’esposizione al sole e forniscono alla pelle i nutrienti di cui ha bisogno per combattere gli effetti dannosi del sole.

Hanno diversi effetti:
stimolano la produzione di melanina, responsabile dell’abbronzatura,
rafforzano le difese dell’organismo contro le aggressioni dell’esposizione solare

Esistono integratori abbronzanti specifici, come l’annatto , che si può assumere come cura. Idealmente, si dovrebbe iniziare la cura un mese prima dell’esposizione al sole per sfruttare completamente i suoi benefici. Se si trascorrere molto tempo all’aria aperta durante la stagione estiva, è possibile prolungare la cura da maggio ad agosto.

Adattare la dieta

Preparare la pelle al sole comporta anche una dieta. Questa è anche la cosa più semplice da mettere in atto: seguire una dieta equilibrata.
Prediligere frutta e verdura. Certi alimenti sono infatti ricchi di vitamine e sali minerali ottimi per la pelle.
Cibi ricchi di beta-carotene, che proteggono la pelle donandole una sana luminosità: carote, pomodori, peperoni, albicocche, patate dolci, mango, arance.
Cibi ricchi di vitamina A – una vitamina che protegge la pelle: verdure verdi, prezzemolo, uova, formaggio.
Acidi grassi essenziali per favorire la rigenerazione della pelle: olio di semi d’uva, sardine, salmone, tonno.

Esfoliare

Perché l’abbronzatura sia ottimale, è necessario rinnovare la pelle.
L’esfoliazione permette di pulire la superficie dell’epidermide e di eliminare le cellule morte accumulate durante l’inverno. Quindi, uniforma la grana della pelle e la rende luminosa. .
Idealmente, esfoliare tutto il corpo una volta alla settimana, è il segreto per un’abbronzatura uniforme e duratura. Preferire un gommage delicato, con prodotti biologici, per non aggredire l’epidermide, usando un guanto delicato.
Idratare
Esfoliazione e idratazione è la combinazione vincente per una pelle radiosa. L’idratazione favorisce la rigenerazione cellulare e crea la barriera idrolipidica, che protegge dalle aggressioni esterne (principalmente raggi UV e radicali liberi).

A differenza dell’esfoliazione, consigliata una volta alla settimana per non stressare la pelle, l’idratazione è un obbligo quotidiana. L’idratazione della pelle, passa attraverso:

  • Creme idratanti.
  • Bere almeno 1,5 litri al giorno d’acqua

Scegliere una buona protezione solare

La protezione solare, proprio come l’idratazione, dovrebbe essere un’abitudine quotidiana. Scegliere almeno un indice SPF di 50+ quando si è al mare o in montagna. Esistono creme solari per tutti i tipi di pelle, in una moltitudine di texture. Creme, spray, oli, gelatine, latti… Selezionare il prodotto e applicarlo tutti i giorni, o anche più volte al giorno se necessario. La protezione solare non impedisce l’abbronzatura, anzi, garantisce un colorito uniforme e duraturo. I prodotti per la protezione solare contengono ingredienti fragili. Dopo alcuni mesi di utilizzo, a causa delle differenze di temperatura e del contatto con l’aria durante l’apertura, perdono efficacia. Ecco perché non è consigliabile utilizzare la protezione solare che è rimasta dall’anno scorso: non proteggerà in modo efficace. La cosa migliore è comprare un nuovo prodotto ogni estate.

Optare per l’abbronzatura progressiva

Evitare il sole tra le 12:00 e le 16:00 i primi giorni, optando per una protezione SPF 50+ all’inizio della vacanza. Soprattutto, ricordarsi di riapplicare regolarmente la crema solare. Idealmente, ripetere l’operazione ogni 2 ore, fino alle 17:00 circa.

Suggerimenti per prolungare l’abbronzatura

Dopo l’esposizione al sole, la pelle può risultare arida. Per lenirla, prendere in considerazione l’uso sistematico di un trattamento specifico per ripristinare l’idratazione. Il doposole serve a questo: preservare la salute e l’aspetto della pelle. Olio, crema, latte riparatore, aloe vera: scegliere il trattamento ideale. L’aloe vera lenisce la pelle dopo un’esposizione troppo intensa favorendo la rigenerazione dell’epidermide e aiutando a guarire più velocemente. Sotto forma di gel, è molto rinfrescante: conservandola in frigorifero, il suo effetto lenitivo sarà aumentato di dieci volte Ogni giorno si può utilizzare il latte corpo idratante con aloe vera, latte d’asina e camomilla. Il monoi è una gelatina perlata , il segreto di bellezza per questa estate. La sua texture avvolge il corpo in una sensazione di freschezza, mentre lenisce la pelle dopo una giornata di abbronzatura. La sua peculiarità: la gelatina lascia sulla pelle un velo perlato che sublima l’abbronzatura.

Francesca Bocchi.

Condividi
Scroll to top
Open chat